Perù: un posto dove dare e ricevere..

Inserito da

Mi trovoin Perùcome volontaria presso “ProyectoAmigo” da più di sei mesi e mi mancano altri sei mesi da passare qui. In pratica in questo momento sono esattamente a metà del mio SVE.  Cercavo da mesi un progetto di volontariatoa cui partecipare e finalmente ho scoperto ProyectoAmigo. Volevo veramente prendere parte a uno SVEin America latina, ma pensavo che non ce l’avrei mai fatta!Dopo due colloqui, a giugno dell’anno scorso, sono finalmente stata scelta per questo progetto e ho saputo che sarei dovuta partire dalla Romania il 2 novembre. In questo modo ho avuto tutto il tempo per preparare al meglio il mio anno in Perù; ero talmente determinata ed eccitata all’idea di partire che durante tutto questo tempo non ho avuto nessun dubbio riguardo alla mia decisione. Sapevo che questo era esattamente ciò che volevo fare. E adesso, dopo sei mesi, posso dire che è stata la scelta migliore per me.

Sono arrivata a Huamachuco dopo 20 ore di volo e 15 ore di autobus. Molti mi avevano detto che i primi giorni avrei sofferto il mal di montagna (Huamachuco si trova a 3170 metri di altitudine),ma non ho avuto nessun problema. Mi ricordo che il primo giorno appena arrivata avevo paura ad attraversare la strada a causa delle moto e dei taxi che praticamente non seguono alcun tipo di regola stradale. Il traffico in Perù è qualcosa a cui bisogna veramente fare l’abitudine. Un’altra cosa che mi ha veramente impressionato il primo giorno è che la maggior parte delle donne di Huamachuco indossa gli abiti tradizionali, comprese le loro figlie piccole, che sono vestite allo stesso modo. Una volta ho provato a vestirmi come loro: ci ho messo più di un’ora per preparami, e posso assicurarvi che non è per niente comodo! Questoha aumentato il rispetto che provo per queste donne che tentano di mantenere le loro tradizioni, oltre a tutto il lavoro che devono fare.

IMG_3090_opt

Qui bisogna abituarsi un po’ a tutto. Ma, una volta fatto, tutto diventa più facile;in fondo, la vita è piuttosto semplice tra le montagne del Perù. La natura e i paesaggi di Huamachuco sono bellissimi. Le montagne tolgono il fiato e la pace e la tranquillità di questo posto danno lo spazio per pensare; in più ci sono moltissimi siti archeologici vicino a Huamachuco che possono essere visitati e anche molti posti turistici.

mujer trayendo madera de eucalipto a su casa_opt

Il mio lavoro al ProyectoAmigo è cominciato la stessa settimana in cui sono arrivata. Ho preso parte al programmacon altritios (a ProyectoAmigo ci chiamiamo a vicenda tio o tia,che significa zio o zia; un modoper farci sentire parte di una grande famiglia), cioè mi sono unita alle EscuelitasComunitarias. AProyectoAmigo lavoriamo principalmente con i bambini attraverso quelle che sono chiamateescuelitascomunitarias: ogni giorno andiamo in diversi quartieri dove i bambini vivono in condizioni precarie e facciamo lezione di matematica, comunicazione e inglese. Credo che ProyectoAmigo faccia davvero la differenza per questi bambini. Attraverso di noi ricevono il supporto personale che di solito è difficile trovare in una classe di 30 alunni. Oltre ai compiti e agli esercizi che facciamo con loro, organizziamo anche dei giochi e delle attività sportive, il cinema di strada ed altre attività complementari. Attraverso queste attività cerchiamo di conoscerli più da vicino, in questo modo possiamo capire di cosa hanno esattamente bisogno e come possiamo aiutarli al meglio. Qualche volta non è tanto il lavoro in classe ma più il supporto psicologico che ProyectoAmigo da loro. Ma non sono solo i bambini a ricevere sostegno e aiuto; anche noi, come volontari, riceviamo supporto da loro stessi. Sono sempre cosìaffettuosi con noi che è praticamente impossibile non affezionarsi. Questo è ciò che fa ProyectoAmigo, per me il posto migliore dove potessi capitare per il mio SVE.

IMG_0014                 IMG_0910_opt

Vivere un anno in un paese straniero, che è cosi diverso dal tuo, è una grande sfida. Ma deve dire che fino ad ora è stata una bella sfida!  Oltre al fatto che mi sento veramente utile e che posso dare una mano ai bambini con cui lavoro, sento anche che sono maturata molto come persona. Conosco meglio me stessa,ciò che voglio in futuro, ciò che sono capace di fare… Edho anche imparato a vivere in modo indipendente e ad abituarmi a diverse condizioni di vita. Guardando in avanti ai prossimi mesi del mio SVE, mi auguro che siano ugualmente ricchi e interessanti.

Luogo Messaggio del Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *