Il primo mese in Messico

Posted by

Ciao a tutti! Mi chiamo Andreea Craciun, vivo a Torino e da un mese svolgo un servizio di volontariato europeo a Morelia, una città messicana di circa 700.000 abitanti nel centro del paese. Sono arrivata il 6 di maggio e da subito sono rimasta stupita dalla ricchezza architettonica del centro storico e dalla ampia varietà di eventi culturali che questa città offre.

sve messico

Mi trovo in Messico grazie a un programma europeo chiamato SVE e che dà l’opportunità a ragazzi tra 18 e 30 anni di partecipare in un’esperienza di volontariato, per di più in Europa, dalla durata massima di 12 mesi.

Il progetto per il quale sono stata selezionata si chiama GLO.RE – Global Recognition e si propone di creare un sistema di riconoscimento internazionale delle capacità acquistite durante le esperienze di volontariato e che non possono essere riconosciute all’interno del sistema educativo formale in quanto fanno parte della cosidetta educazione non  formale.

Ma passiamo all’inizio della mia piccante avventura messicana:

I primi giorni, quasi la prima settimana, li ho passati cercando di capire dove fossi e incredula di ciò che vedevo intorno a me. Spesso mi fermavo, guardavo Vera, l’altra ragazza volontaria, e facevo una faccia stupita come se fossi stata trapiantata su un altro pianeta (più o meno mi sentivo veramente così)…e lei riusciva sempre a confortarmi con una grossa risata oltre alla frase “Andreea, siamo in Messico!!!ma ti rendi conto!?!?”. Un senso di smarrimento penso sia normale all’inizio in quanto  sono stata immersa in un mondo pieno di colori, suoni nuovi, rumori alti o altissimi, modi di fare diversi, frutta mai vista prima e abbinamenti di ingrediente che mai pensavo fossero possibiliJ

Dopo il primo weekend da turista a Morelia e dopo essermi già da subito avventurata ad assaggiare piatti messicani rigorosamente piccanti e cucinati in piena strada, sono andata a conoscere Vive México, l’associazione con la quale colaborerò per tutta la durata del volontariato.  Io e Vera abbiamo da subito iniziato a sopportare lo staff in alcune parti più amministrative e definire, pian piano, le attività da svolgere nei mesi a venire.

E’ passato solo un mese dal mio arrivo, però, insieme a Vera, ho già organizzato 3 conferenze in varie città messicane e una giornata di formazione per futuri group leaders di campi di volontariato internazionale. Abbiamo viaggiato in diverse parti dello Stato di Michoacan e anche in altri stati per poter incontrare ragazzi messicani che quest’estate vivranno un’esperienza di volontariato. Oltre a prendere sempre più confidenza con il palcoscenico (ormai non ho più problemi di timidezzaJ) sto anche incontrando molte persone interessanti e spesso scopro che hanno scelto progetti di volontariato proprio nella mia città, Torino o addirittura, hanno scelto lo stesso campo internazionale in cui ho partecipato io nel 2016.

Sono molto soddisfatta di come stanno andando le cose in quanto ogni giorno si aggiunge una nuova conferenza…e lo zaino è da svuotare e riempire in fretta.

Per quanto riguarda le cose più strane o più particolari vi lascio con questa foto in cui compaiono 3 diverse dimensioni  di michelada ( o micidialada, come secondo me si dovrebbe chiamare) e che contiene qualsiasi cosa che uno osa immaginare. Non ho ancora avuto il coraggio di assaggiarla in quanto non mi sento  pronta, pero visto che qui la bevono/mangiano tutti, prima o poi la assaggerò…alla fin fine fa parte del conoscere la cultura messicana.

 

 

 

Blog Post Location